I sistemi di sorveglianza dei cantieri

3 Apr

I sistemi di sorveglianza dei cantieri

A causa delle conformazioni strutturali, delle impalcature mobili o fisse, della presenza di materiali sensibili e di macchinari costosi, i cantieri edili sono sempre più soggetti a furti e saccheggi. All’interno di un cantiere vi sono materie prime e merci di valore, è quindi importante disporre di un sistema di sorveglianza dei cantieri anti-intrusione per proteggere la proprietà ed i beni in grado di scongiurare spiacevoli situazioni.

Per gestire realmente la sicurezza dei cantieri occorre valutare i rischi, definire misure per eliminarli o ridurli e verificare l’effettiva applicazione delle misure adottate. Il cantiere deve affrontare numerose sfide per la sicurezza: 

  • Le condizioni meteorologiche estreme. 
  • La protezione di particolari aree. 
  • Le entrate multiple con differenti livelli per i diritti di accesso. 

Se in principio i sistemi di sorveglianza cantieri erano concepiti come l’integrazione di un sistema antifurto, oggi questi sistemi possono fornire servizi a valore aggiunto quali: 

  • Storico dei lavori eseguiti. 
  • Automatizzazione delle procedure di Stato Avanzamento Lavori. 
  • Promozione per l’impresa costruttrice. 

In caso di montaggio e smontaggio di opere provvisionali, lavori di demolizione e montaggio e smontaggio dei ponteggi, la nomina del preposto alla sorveglianza dei cantieri è obbligatoria. La sorveglianza dei cantieri garantisce una protezione fidata in tutte le fasi d’opera.  Durante la fase di costruzione, il sistema di sorveglianza cantieri impedirà il verificarsi di danni, evitando così perdite e ritardi superflui.

Ogni immagine ripresa dalla piattaforma supporta l’ufficio tecnico e la stazione appaltante sullo stato di avanzamento dei lavori e può essere velocemente corredata di commenti testuali e memorizzata in un archivio storico che documenta, in modo incontrovertibile, lo stato avanzamento lavori in un determinato arco temporale.

Per offrirle una sicurezza ottimale ed evitare così ritardi nell’esecuzione dei lavori, vengono adoperati molteplici strumenti che potranno essere impiegati singolarmente, in base all’importanza del cantiere, alle dimensioni, all’ubicazione e all’ambiente circostante. 

8 Gen

Noleggio Fotocopiatrici, la storia di un importante contratto

Noleggiare delle fotocopiatrici è il mio mestiere, da oltre 12 anni faccio questo di professione. Con alterne fortune, legate al mercato e alla crisi. Trovare nuove soluzioni per accontentare tutti è il mio primo dovere, ovviamente portando contratti all’azienda per cui lavoro.

Ricordo con piacere un incarico che mi era stato commissionato, ma soprattutto non posso dimenticarmi il supercontratto che riuscii a chiudere.

Ma andiamo per ordine. La multinazionale per cui lavoro offre noleggio e vendita di fotocopiatrici, essa ha 2 grandi rivali, o meglio 1 grande rivale e una piccola azienda che è come un sassolino nella scarpa per lei. Di quest’ultima conosco bene il capo area, con cui spesso mi sono “scontrato a suon di contratti”, un tal Oreste. Quest’ultimo peraltro persone corretta e professionale.

Fatto sta, che come ogni mattina ci trovavamo al bar della stazione, li ci salutavamo facendoci i reciproci “in bocca al lupo”. Un bel giorno al mio arrivo per la quotidiana colazione lo vidi al telefono tutto contento e sorridente, come se non ci fosse stato un domani. Allorchè mi insospettii, visto che solitamente era emaciato e cupo. Uscendo mi salutò con molta enfasi. Passò il giorno e la mattina seguente lo vidi invece tremendamente triste. A quel punto gli chiesi il motivo. Lui si confidò dicendomi che era stato licenziato perché non era riuscito a portare a termine un contratto importante: il noleggio di 10 fotocopiatrici. Cercai di rincuorarlo, ma niente, scoppiò a piangere focalizzando tutta l’attenzione dei presenti. Dopo circa mezz’ora se ne andò ancora più triste.

A quel punto mi accinsi ad andare via, quando mi avvicinò un tipo elegante dal parlare forbito, mi disse: “Scusate ma quel tizio è stato licenziato dalla sua ditta di noleggio fotocopiatrici busto arsizio?”
Io annuii e lui continuò: “io sono il general manager di una importante multinazionale del settore finanziario e tra un mese ci scade il contratto di locazione delle nostre 39 fotocopiatrici, io non intendo rinnovarlo, magari se parlo con quella persona che noleggia fotocopiatrici…. lui potrebbe portare in dote alla sua azienda un contratto importante…”

A quel punto bloccai il tipo, perché mi venne un’idea brillante. Chiudere io stesso il contratto e assumere il povero Oreste tra le nostre fila.
Una favola, che si avverò. Chiusi quel contratto quinquennale e riuscì a far assumere il malcapitato collega, anche se al momento in un ruolo subalterno.

Come si sul dire tutto è bene quel che finisce bene!

29 Ott

Master universitari: cosa sono?

Spesso tra le diverse proposte formative ricorre l’offerta dei master. Ma cosa sono esattamente i master universitari? Si tratta di titoli post laurea di perfezionamento scientifico e di alta formazione permanente e ricorrente, successivi al conseguimento della laurea triennale o della laurea magistrale. Rappresentano la forma più pratica di apprendimento in quanto alla base della loro filosofia vi è la massima connessione della teoria con la pratica (lezioni frontali, simulate, esercitazioni pratico-guidate, stage).

Frequentare un master significa comprendere, sperimentare tutti gli aspetti teorico-pratici di una disciplina nel mondo del lavoro. I master universitari hanno durata di almeno un anno e prevedono l’attribuzione di 60 crediti formativi. Sono gli unici a rilasciare una qualifica (riconosciuta anche al di fuori del territorio nazionale) che abbia valore legale. Sono molti i master offerti ogni anno dalle Università Italiane. Questi master sono spesso promossi da 1 o più dipartimenti ed hanno come obiettivo l’acquisizione di competenze spendibili nel mondo del lavoro.

 

Master universitari di I e II livello

Il master universitario, a seconda della multidisciplinarietà, si distingue in master universitario di I livello e master universitario di II livello. Quelli di primo livello sono più multisciplinari, rappresentano spesso un primo approfondimento dell’argomento preso in esame. I secondi, sono invece iper-qualificanti, nel senso che trattano temi molto specifici di una data area e coinvolgono persone che hanno già una conoscenza nel settore professionale. Il monitoraggio della loro qualità è compiuto dal MIUR (Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca).

 

A cosa servono i master universitari

I master servono a sviluppare e ampliare conoscenze precedentemente acquisite e a tradurle in competenze professionali spendibili nel mondo del lavoro, ma possono anche servire per approfondire e potenziare capacità professionali già sviluppate nel corso di attività lavorative: vi possono dunque accedere anche coloro che, purché laureati, siano già inseriti in contesti lavorativi.

Per maggiori info visita il sito di Unitalia

25 Ott

Una panoramica sulle tapparelle blindate

Le tapparelle blindate sono uno dei sistemi più utilizzati in Italia per oscurare le finestre in totale sicurezza: esse, infatti, permettono di regolare la quantità di luce che entra in casa, aiutano mantenere la temperatura e l’isolamento acustico nei vari ambienti della casa e sono in grado di proteggere egregiamente agli agenti atmosferici e dai tentativi di scasso, oltre a resistere ai colpi di proiettile nel caso si opti per una blindatura più pesante.

Attualmente sul mercato è possibile trovare tapparelle blindate di ultima generazione, nate per venire incontro ad ogni tipo di gusto e di necessità.

Sul mercato inoltre esistono anche tapparelle orientabili blindate, che permettono all’aria ed alla luce di passare senza dover sollevare la tapparella: con l’ausilio di motori elettrici realizzati su misura per tapparelle, possono diventare avanzati sistemi di oscuramento completamente automatizzati.

Per alleggerire lo sforzo necessario all’apertura in caso di porte-finestre di grande estensione, le tapparelle blindate elettriche rappresentano la miglior scelta e sono ideali per scongiurare il rischio anche dei più energici ed invasivi tentativi di effrazione.

Se si vuole ottenere un isolamento termico ottimale, è necessario orientarsi verso la scelta di tapparelle blindate milano senza cassonetto o di cassonetti minimalisti: avvolgibili salva spazio e dal minimo ingombro estetico, che si caratterizzano per il vantaggio di diventare un tutt’uno con la finestra oltre a non rendere necessari complicati e costosi interventi di muratura.

Considerato che l’offerta è così ampia, cosa è necessario considerare per effettuare una scelta ponderata e consapevole della giusta tapparella blindata per la propria casa?

La normativa sulle tapparelle prevista dall’Unione Europea, ne facilita la scelta grazie ad una suddivisione per classi di resistenza ai danni, mentre i super incentivi fiscali garantiti dal Governo ne agevolano l’acquisto e l’installazione, in quanto danno la possibilità di godere di bonus e detrazioni pari al 65% o al 50% dell’Irpef.

3 Ott

Investigazioni aziendali per assenteismo dal lavoro: una panoramica

Per assenteismo, in letteratura scientifica, si intende l’assenza sistematica dal proprio posto di lavoro misurata secondo due unità di misura: la frequenza (quante volte accade) e la durata (per quanto tempo si prolunga il fenomeno). Sempre più aziende in Italia sono colpite dal fenomeno dell’assenteismo. L’assenteismo sul lavoro è un problema molto diffuso in Italia; per questo motivo è necessario effettuare delle indagini investigative in modo da documentare con delle prove valide, l’assenza ingiustificata per poi procedere con il licenziamento per giusta causa. Le investigazioni aziendali sono finalizzate a dimostrare l’assenteismo dei dipendenti e indagano per eventuali casi di doppio lavoro. Grazie a queste investigazioni aziendali, l’azienda avrà la possibilità di tutelarsi e di ottenere informazioni e prove per dimostrare il danno provocato dal dipendente assenteista. I casi più frequenti per cui si ricorre alle investigazioni aziendali sono per:

 

  • assenteismo dipendenti per doppio lavoro.
  • assenteismo per svolgere interessi personali.

La principale causa di assenza ingiustificata dal posto di lavoro è la malattia (vera o finta), ma l’assenteismo può anche essere dovuto al cattivo clima lavorativo, alla mancanza di comunicazione con i colleghi e i superiori, o anche alla disaffezione dal lavoro. In alcuni casi, inoltre, il dipendente assenteista si reca a svolgere un altro lavoro, a volte in concorrenza con l’azienda per cui lavora. L’investigatore privato effettua indagini investigative aziendali su conferimento del mandato da parte del datore di lavoro per verificare e accertare casi di assenteismo dipendenti.

Grazie all’agenzia investigativa, il datore di lavoro potrà avvalersi in sede di giudizio con prove certe e inconfutabili acquisite dall’investigatore privato a dimostrazione del danno subìto dal dipendente assenteista. Solitamente nei casi di assenteismo dei dipendenti, quest’ultimi effettuano un secondo lavoro o interessi personali invece di svolgere il proprio lavoro. Alla conclusione dell’investigazione, verrà rilasciata all’azienda richiedente tutte le prove raccolte insieme a una dettagliata relazione tecnica investigativa con valenza probatoria in sede di giudizio.

21 Set

Principali tipologie di scale da interni

Poiché la scala rappresenta un elemento fondamentale dell’arredamento di qualsiasi casa, la sua scelta deve essere ben ponderata non solo da un punto di vista estetico ma anche per la sua funzionalità. La tipologia migliore di scala da interni dipende dal contesto in cui dovrà essere inserita. Nella maggior parte dei casi vengono ricercate delle scale belle e al tempo stesso funzionali ma in base a determinate circostanze, quali ad esempio uno spazio limitato in casa, si può optare per un tipo più adatto alle proprie esigenze. Diamo quindi un’occhiata alle principali tipologie di scale da interni.

 

Scale a chiocciola

Le scale a chiocciola si contraddistinguono per la loro struttura semplice quanto funzionale: essa infatti si sviluppa attorno ad un montante, che ne costituisce la struttura portante, attorno alla quale si sviluppano i gradini. Sviluppandosi su se stesse, consentono una riduzione anche notevole dello spazio d’ingombro per i collegamenti da un piano all’altro.

Scale elicoidali

Spesso confuse con le scale a chiocciola, si distinguono da queste per certe caratteristiche. Pur mantenendo la stessa forma avvolta su se stessa come accade per le scale a chiocciola, le scale elicoidali non sfruttano il montante centrale, ma presentano una larghezza maggiore che conferisce loro una maggiore stabilità anche senza un sostegno centrale.
Scale a giorno

Le scale a giorno sono strutture verticali che occupano un certo spazio e che permettono il collegamento verticale tra due piani. Si adattano perfettamente in contesti in cui non vi sono problemi di spazio. A seconda dei modelli, i gradini possono essere a sbalzo, fissati direttamente alla parete, o che poggiano sulla struttura della scala.
Scale retrattili

La scala retrattile è una particolare tipologia di scala che offre la possibilità di non ingombrare in maniera fissa ma al contrario, occupa una certa superficie solo all’occorrenza. Ciò significa però che lo spazio che si vuole raggiungere non è così vitale e che quindi venga fruito raramente, come nel caso di una vecchia soffitta usata come deposito.

Articolo a cura di PM Scale, per maggiori info visita: http://www.pmscale.com/prodotti-pmscale/scale-modulari

21 Ago

Creare un impianto audio per la nostra casa

Una soluzione innovativa che ci permetta di vivere la nostra abitazione è un impianto audio che soddisfi appieno i nostri desideri.
Diverse sono le soluzioni che gli interior designer negli anni hanno immesso sul mercato supportati da una tecnologia crescente che non necessita di fare tracce nel muro.
Ultimamente con la “domotica” si sono fatti passi da gigante in questo senso e si sono ottenuti risultati che fino ad una decina di anni fa erano considerati irraggiungibili.
Attraverso l’uso dei nostri smartphone o ipad è possibile trasmettere in streaming la musica a dispositivi dal look accattivante che hanno preso il posto di veri e proprio complementi d’arredo, magari inseriti in consolle allungabili.
Ma ancora si deve osservare come il campo della domotica abbia attraverso dei dispositivi atti a codificare i segnali inviati da apparecchi wireless riescano a trasformare anche vecchi dispositivi conferendo loro una nuova vita. I nuovi sistemi di diffusione della musica all’interno della casa utilizzano un sistema plug and paly, ovvero una volta collegati si autoconfigureranno per offrirci le loro funzionalità in modo diretto e veloce.
Anche le “casse” di ultima generazione hanno migliorato sensibilmente le loro caratteristiche divenendo, nonostante il piccolo ingombro, soluzioni potenti di diffusione.
Come già detto più sopra i vantaggi di un sistema simile sono la facilità di installazione e la mancanza di opere murarie.
Da ultimo si deve evidenziare come questi sistemi di diffusione necessitino solo ed esclusivamente di una presa elettrica e quindi siano realmente efficaci per trasferire la nostra musica in tutta la nostra casa.
Si possono quindi considerare elementi di arredo per la loro linea e per la funzione che svolgono diventando un elemento indispensabile per gli amanti della musica.

25 Mag

Come scegliere il caminetto adatto alla vostra casa

Per molte persone il camino è un elemento di design imprescindibile, prima ancora che una valida soluzione per scaldare la casa.

Per aiutarvi a scegliere il caminetto o la stufa giusta per voi, abbiamo stilato una serie di risposte a delle domande plausibili.

Qual è il vostro scopo?
Chiedetevi  se volete  riscaldare una stanza, una zona precisa , o tutti gli ambienti della nostra casa.  Molte persone riscaldano la maggior parte dei loro ambienti con il camino.

Dove si può collocare?
Quali opzioni avete a vostra disposizione? Avete un camino esistente? Siete pronti a installare un nuovo camino?  Con le soluzioni che abbiamo a disposizione al giorno d’oggi possiamo installare il nostro apparato praticamente ovunque. Basterà tenere a mente i diversi requisiti che necessitano i vari combustibili, ad esempio camini a legna richiedono una muratura che isoli il tubo di scarico fumi, mentre le unità a pellets e gas possono essere convogliati direttamente all’esterno.

Qual è combustibile scegliere?
La maggior parte delle persone
è orienta a scegliere, come combustibile, il legno, che è la scelta più tradizionale e rispettosa dell’ambiente. Ma forse non è alla portata di tutti. In alternativa, è possibile utilizzare il pellets o del cippato.  Questi “mattoncini” sono per lo più formati da segatura pressata,sono  facilmente conservabili, garantiscono un calore costante. Le stufe a pellet oggi sono semiautomatiche, con controllo termostatico, possono funzionare per 1-2 giorni senza essere caricate. Un’altra scelta è rappresentata dal gas che è il più conveniente, produce un grande impatto visivo con la sua fiamma bluastra. Lo troviamo disponibile sia come gas naturale o come propano liquido.

Hai un camino esistente?
Un camino è la struttura più inefficiente della vostra casa. Non importa se utilizzate tronchi di legno o il gas. Se avete un camino prefabbricato, installato da un costruttore, un suo upgrade ne  aumenterà l’efficienza (ad esempio inserendo un motore per indirizzare il flusso di calore).

Se siete alle prese con una casa di nuova costruzione o con una casa da ristrutturare, investite il vostro tempo nella scelta del camino o della stufa adatta, sarete ricompensati ampiamente.

Per saperne di più visita: http://piransigfrido.it/chi-siamo/come-lavoriamo/

3 Mag

La stampa su T-shirt

Al giorno d’oggi la stampa delle T-shirt per pubblicizzare eventi o semplicemente come gadget da regalare sta diventando una sempre più una regola quando vogliamo essere incrementare il nostro messaggio promozionale e quindi il nostro business.

Quindi quale tecnica di stampa T-shirt funziona meglio e può essere adatta per eventi programmati, per agenzie di marketing o piccole imprese che cercano di organizzare alcuni indumenti per la loro ultima fatica. Il problema più grande è distinzione tra le tecniche di stampa T-shirt disponibili.

Mani in alto se si capisce la differenza tra serigrafia e vinile cad cut … davvero?

La differenza fondamentale è la stampa diretta sull’indumento e la stampa pef trasferimento.

La stampa digitale diretta è la tecnica che fornisce stampe con resa fotografica ad alta definizione e indumenti soffici al tatto, poiché il colore penetra completamente nel tessuto.

È una tecnica innovativa e di alta qualità, particolarmente indicata per foto e motivi colorati complessi, con sfumature o ricchi di dettagli.

La tecnica di stampa per trasferimento è più rapida ed economica anche per basse tirature, con ottima resa, ideale per riprodurre motivi in quadricromia su capi bianchi o con tonalità chiare. Ideale per campagne pubblicitarie o eventi puntuali, è una delle tecniche preferite dalle agenzie pubblicitarie.

Con questa tecnica il motivo da riprodurre viene stampato su una speciale pellicola termoadesiva appositamente predisposta al trasferimento sul tessuto. La stessa viene poi stampata sul capo da personalizzare attraverso una pressa a caldo.

Ora che ne sapete di più datevi da fare ed ideate tutte le vostre t-shirt più accattivanti.

Per maggiori informazioni sulla stampa visita il sito: https://www.sismaprint.it/prodotti/pannelli-rigidi/forex